• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Viaggio nella crisi del calcio, 120 fallimenti in 5 anni

Viaggio nella crisi del calcio, 120 fallimenti in 5 anni

Retrocedono societa' storiche come i Rangers di Glasow e scompaioni decine di piccoli club



29/01/2013 13:04

CRISI CALCIO FALLIMENTI / MILANO - Drammatica inchiesta condotta da 'Gazzetta', che ci fa compiere un tour europeo nella crisi che morde anche il calcio. E così si scopre che in 5 anni, dal 2007 a oggi, in Europa sono fallite 120 squadre tra prime e seconde serie. Quadro molto pesante, che si espande a dismisura, se si pensa che la bancarotta di una società trascina nel baratro, oltre alla prima squadra, anche le formazioni giovanili. La disparità tra diverse realtà è eclatante: come accade nell'economia 'vera' (dove ci sono Nazioni in salute e Nazioni sull'orlo del fallimento), ci sono i grandi club che hanno aumentato i profitti e 'gli altri' che zoppicano e crollano. Tante colpe ricadono sui Presidenti che, spesso, prendono squadre solo per finalità personali (politiche o economiche) e attuano gestioni azzardate, puntando a vincere subito. E, quando ciò non avviene, i bilanci non si risanano più. La Romania è il Paese meno virtuoso d'Europa, con ben 28 fallimenti (tra cui l'Unirea Urziceni, in bancarotta 12 mesi dopo lo Scudetto). Seguono, in questa classifica di demerito, Russia e Austria.

ANCORE DI SALVEZZA - I tifosi sono spesso ancore di salvezza che spesso intervengono obbligando i Presidenti peggiori a cedere le società. Ma si muovono anche i Governi: in Spagna i club spalmano debiti e ingaggi su 5 anni, in Serbia la Stella Rossa è stata salvata con un commissariamento. In Inghilterra il Portsmouth è finito in amministrazione controllata. L'Aek Atene è stato salvato dal Governo greco, che ha concesso al club di 'spalmare' un debito di 110 milioni su 12 rate.

ISOLE FELICI - Ci sono comunque isole felici. Una di queste, tanto per cambiare, è la Germania: leggi severe, compartecipazioni locali obbligatorie e solidarietà di club (il Bayern ha recentemente disputato un'amichevole con l'Alemania Aachen, club in fallimento. Gli incassi serviranno a ripianare il debito) la ricetta.

CHI NON CE L'HA FATTA - Tra le vittime illustri di questa crisi, spiccano i Rangers di Glasgow e il Boavista. Con lo Sporting Lisbona che rischia non poco.

S. Ca.




Commenta con Facebook