Breaking News
© Getty Images

Serie A, fine della 'Apertura': promosse, bocciate e rimandate

Il punto sul campionato italiano dopo la conclusione del girone di andata

SERIE A PUNTO CALCIOMERCATO.IT GIRONE ANDATA / ROMA - Adios apertura, bienvenida clausura. Ok, non siamo in Argentina e non si assegna un titolo a metà strada, se non quello puramente pirresco di campione d'inverno. Ma la fine del girone d'andata  della Serie A rappresenta pur sempre uno spartiacque, il momento per fermarsi un secondo e tirare un attimo le somme in corso d'opera. Chi ha sorpreso, chi ha deluso, chi semplicemente si è riconfermato e chi invece deve lavorare ancora tanto. Ecco, Calciomercato.it fa come a scuola. Pagelle di fine quadrimestre, promossi, bocciati e rimandati. Via alle danze. 

LE PROMOSSE: LA JUVE E LE SORPRESE

Grande conferma per la Juventus, e non era per nulla scontato. Girare la boa con 5 punti sulla seconda, dopo tutto quello che è successo quest'estate, vuol dire avere davvero una salute di ferro. Non è la Juve dello scorso anno, e ci mancherebbe, ma vedremo a fine stagione se Allegri farà dimenticare Conte e la Supercoppa. Promossa con lieve riserva la Roma, che si è confermata a buoni livelli ma ha lasciato intravedere le prime crepe di una stagione sicuramente più logorante di quella scorsa, con la Champions di mezzo. Se Garcia saprà tenere saldo il timone e superare le varie grane (DestroGervinho, le assenze continue in difesa) il primo posto non è ancora un miraggio. Due parole vanno spese sulle grandi sorprese di queste prime 19 giornate. La Sampdoria di Mihajlovic, coriacea, generosa e tremendamente cattiva: con Eto'o nel motore chissà cosa può accadere, ma occhio agli eccessi militareschi di Mihajlovic, potenziale boomerang. Il Palermo di Iachini, fresco ed esuberante come i suoi argentini: resta solo da capire se cala Dybala quanto potrà reggere. La bella Lazio di Pioli: al netto delle assenze la più valida alternativa al Napoli per il terzo posto, nonostante lo stop di ieri. Sassuolo ed Empoli, giovani, belli e soprattutto italiani: grande merito a Di Francesco (presto in una big) e al sottovalutatissimo Sarri (classe '59, non proprio di primo pelo), che dovrebbe avere qualche punto in più in classifica e sul curriculum. Menzione d'onore per Montella e la sua Fiorentina: con tutti i guai che sta passando, essere ancora lassù è un piccolo miracolo. 

LE RIMANDATE: IL NAPOLI E I 'WORK IN PROGRESS'

Partiamo da chi è arrivato ad un passo dal traguardo: il Genoa di Gasperini. Gran campionato, gran gioco ma un forte calo nell'ultima fase e soprattutto la solita schizofrenia al vertice: che errore la cessione di Pinilla prima di aver trovato il sostituto! Chi invece ha qualcosa su cui riflettere è il Napoli. E' ancora la candidata principale al terzo posto, ma la sensazione è che si potesse fare qualcosina di più. Il momento è positivo, vedremo come si evolverà anche in chiave Europa League, mega chance per il Re di Coppe Benìtez. Contro ogni trend attuale, diamo una seconda chance anche a Milan Inter. In molti lo dimenticano, ma parliamo di due squadre che stanno attraversando una profonda rivoluzione e un nuovo progetto. Con caparbietà e la giusta dose di pazienza la stagione si può ancora raddrizzare. Pazienza anche per l'Udinese: il progetto di Stramaccioni è in divenire, i fasti di Guidolin sono lontani ma ci sono prospettive e un allenatore capace. Resta da capire come si muoverà la società per il dopo Muriel, e naturalmente per l'imminente post Di Natale.

BOCCIATE: DEL PARMA E DI ALTRI DISASTRI

Iniziamo dal fondo, o meglio di chi il fondo lo ha toccato e raschiato. Dopo il mercato disastroso e l'inizio shock, il Parma sta ora attraversando la dolorosa fase di transizione societaria. I prossimi 15 giorni saranno cruciali. CesenaChievo e un mercato da ristrutturazione, più che da riparazione: solo così ci può essere qualche speranza di sopravvivenza. Chi invece sembra spacciato è il Cesena, una squadra obiettivamente troppo debole per restare in questa categoria. Di Carlo è un dead man walking e la B è solo questione di tempo. Male anche il Cagliari: curiosità per Zola, ma Zeman è stato un brutto flop. Non bene il Torino - ma dimenticare Cerci Immobile non è semplicissimo - e l'Atalanta, classica sindrome da fine ciclo. Chiudiamo con le veronesi: ordinaria amministrazione, anzi ordinaria sofferenza per il Chievo, occhio anche al Verona. L'eccezione è lo scorso anno, non quello attuale. Ma i primi a capirlo devono essere Mandorlini e i calciatori, altrimenti dal tunnel non si esce: dal calo al crollo il passo può essere molto, molto breve. 

In evidenza   Genoa  
Serie A, Giudice Sportivo: stangata Pinilla, cinque giornate di squalifica!
Serie A, Giudice Sportivo: stangata Pinilla, cinque giornate di squalifica!
Severa la punizione per l'attaccante cileno del Genoa
In evidenza   Juventus   Sampdoria
Sampdoria-Juventus, Allegri: "Non pensiamo al Barcellona, campionato primo obiettivo! Chiellini out"
Sampdoria-Juventus, Allegri: "Non pensiamo al Barcellona, campionato primo obiettivo! Chiellini out"
Le dichiarazioni della vigilia dell'allenatore della 'Vecchia Signora'
In evidenza   Atalanta   Udinese
Serie A, le probabili formazioni della 27esima giornata
Serie A, le probabili formazioni della 27esima giornata
Ecco i possibili schieramenti secondo gli inviati di Calciomercato.it