Breaking News
© Getty Images

Milan-Inter, Mancini: "Non si cambia una squadra in 5 giorni"

L'allenatore nerazzurro parla con i giornalisti al termine del derby

MILAN-INTER MANCINI INTERVISTA A SKY POST DERBY / MILANO - Roberto Mancini, al debutto nel suo secondo 'mandato' da allenatore dell'Inter, ha parlato ai microfoni di 'Sky' al termine del derby pareggiato 1-1 contro il Milan.

Ecco le sue parole 'a caldo': "I derby sono sempre partite abbastanza difficili e così è stato anche oggi. Sono molto felice di come si è mossa la squadra dopo aver cambiato modulo e averlo provato solo 5 giorni. Sono stati tutti molto bravi. Non si può cambiare una squadra in 5 giorni, ci vuole ancora tempo ma non so quanto. Anche se non al 100%, però, cercheremo di vincere in fretta più partite possibili. Quando abbiamo l'occasione di far gol dobbiamo farlo; una rete all'inizio ti cambia la partita (il riferimento è all'occasione di Icardi nei primi minuti della partita, n.d.r.). M'Vila deve trovare la condizione migliore, così come Hernanes e altri giocatori. Kovacic è giovane e non bisogna mettergli troppo pressioni. Per migliorare deve sbagliare; può giocare sia come mezzala, che da trequartista o da esterno d'attacco nel tridente ma deve imparare a 'giocare' la palla con meno tocchi. Sono contento della prestazione di Guarin, il suo ruolo è quello di mezzala destra. La marcatura sui calci d'angolo? In area di rigore la difesa a zona non esiste. La classifica? La guardiamo a gennaio".

Serie A   Inter  
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
Il tecnico sul brasiliano: "Si confronterà anche con la società"
Serie A   Inter   Lazio
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Il tecnico nerazzurro ha incontrato i giornalisti in sala stampa
Serie A   Inter  
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Solo due punti in otto partite. La curva contesta, Handanovic e Eder alzano i toni in tv