Breaking News
© Getty Images

Milan-Inter, Mancini: "Non sono abituato a lottare per il terzo posto. Calciopoli è il passato"

L'allenatore di Jesi, al ritorno sulla panchina nerazzurra, è intervenuto in conferenza stampa

MILAN INTER CONFERENZA STAMOA MANCINI / MILANO - Un ritorno decisamente non banale per Roberto Mancini sulla panchina dell'Inter. L'avventura 'bis' del tecnico di Jesi alla Pinetina avrà come prima tappa proprio il derby della 'Madunina' contro i cugini del Milan. L'ex allenatore di Manchester City e Galatasaray - per le news Inter - è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell'attesa stracittadina di Milano.

SCINTILLA - "Mi serve tempo per conoscere la squadra, quattro giorni con tutta la rosa a disposizione sono pochi dopo la parentesi con le Nazionali. Abbiamo fatto un buon lavoro, però solo giocando conoscerò meglio tutti. Il cambio in corsa non è mai facile, però può scattare una scintilla: in un derby può accadere di tutto".

CLASSIFICA E THOHIR - Non sono abituato a lottare per il terzo posto, però non guardiamo la classifica adesso. Domani voglio vedere che i ragazzi giochino da squadra, la mentalità e l'attitudine alla partita saranno le cose più importanti. Il calciomercato di gennaio? Cerchiamo di fare il massimo con la rosa che abbiamo".

THOHIR - "Ho avuto una buona impressione di Thohir, abbiamo parlato di tutto, però siamo stati poco insieme. Ha una grande passione per il calcio e per l'Inter. Dovremo conoscerci un po' di più".

INZAGHI - "Inzaghi può avere un grande futuro davanti. E' agli inizi, serve pazienza, bisogna dargli tempo. Ma ha le qualità per fare benissimo anche da allenatore".

GUARIN E KOVACIC - "Credo che Guarin sia un grande centrocampista. Anche perché è bravo anche nella fase difensiva oltre che in quella offensiva. Per noi sarà sicuramente un giocatore importante. Kovacic? Ha grandi qualità tecniche. È un giocatore su cui faremo grande affidamento, ma senza pressioni. E' giovane, deve crescere: per essere un calciatore universale deve affinarsi anche nella fase difensiva".

MODULO - "Mazzarri è un ottimo tecnico, non è uno sprovveduto. Ho dei giocatori adatti a giocare sia con la difesa a quattro che a tre: non mi preoccpo di queste cose, quello che contà è la mentalità. Dubbi di formazione? Medel non l'ho ancora visto, mentre Hernanes non sta benissimo. Deciderò domani chi schierare in quella posizione di campo".

CALCIOPOLI - "Le dichiarazioni di Agnelli? L'Inter ha già risposto in precedenza, per me è cosa troppo vecchia, pensiamo al presente. Dobbiamo cercare di far dei punti, che la squadra giochi. Noi eravamo qua e sappiamo qual era il nostro comportamento. Quelle cose fanno parte del passato".

In evidenza   Inter   Juventus
Juventus, Moggi: "Calciopoli? Non è cambiato nulla. Inter sempre a 15 punti"
In evidenza   Inter  
Fiorentina-Inter, Mancini: "Resto? Se non mi mandano via..."
Fiorentina-Inter, Mancini: "Resto? Se non mi mandano via..."
Calciomercato.it vi offre le dichiarazioni dell'allenatore nerazzurro
In evidenza   Inter   Sampdoria
Serie A, le probabili formazioni della trentaseiesima giornata
Serie A, le probabili formazioni della trentaseiesima giornata
Ecco i possibili schieramenti riportati dagli inviati di Calciomercato.it