Breaking News
© Getty Images

Italia, Sacchi dice sì agli oriundi: "Polemiche eccessive"

L'ex commissario tecnico parla della situazione del calcio italiano

ITALIA SACCHI ORIUNDI / ROMA - Troppe polemiche e violenza: così Arrigo Sacchi dipinge il calcio italiano. A 'Radio Crc', l'ex commissario tecnico spiega: "Il calcio lo amo sempre, ma non amo il contorno, la violenza, la maleducazione, le polemiche e vorrei che tutto fosse vissuto con lo spettacolo sportivo. Il pubblico non chiede il merito e chi cerca di giocare da protagonista ed essere padrone del campo e del pallone a prescindere dalla qualità dei singoli è l’Empoli che non ha individualità di grandissima fama, ma è una delle squadre più armoniose del campionato italiano".

Sacchi interviene anche sul dibattito sugli oriundi in Nazionale: "C'erano già nel 1934 ed hanno partecipato anche al Mondiale. Se un ragazzo ha il piacere di giocare per l’Italia e lo fa con entusiasmo, volontà e generosità perché negargli questa gioia? Noi italiani ci distruggiamo in polemiche ed oggi ci sono anche i social ad amplificare il tutto. Lo spettatore italiano non è ancora uscito dalla sindrome dell’arena ed infatti il coro più gettonato negli stadi è 'devi morire'. Così però non si cresce. Dobbiamo educare queste persone ad essere più civili".

B.D.S.

Italia  
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Il ct Ventura e Oriali sugli spalti per Nizza-Psg
Italia   Roma  
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Il ct ha chiamato per il raduno di Coverciano i giocatori emergenti del momento
Italia   Genoa  
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Il 25enne difensore napoletano rischia 6 anni di squalifica più la preclusione e un'ammenda di 20 mila euro.