Breaking News
© Getty Images

Juventus, Capello: "Bianconeri favoriti in Europa League. In Champions tifo Real"

Il Ct della Russia fa il suo pronostico sulle due competizioni continentali

CHAMPIONS EUROPA LEAGUE JUVENTUS CAPELLO / ROMA - Champions ed Europa League, si entra nel vivo delle due competizioni continentali. Fabio Capello fa il suo pronostico: "La Juventus può vincere l'Europa League, ritengo che sia la squadra più forte perché ha una rosa ampia, un buon allenatore e la giusta mentalità - ha dichiarato il cittì della Russia in un'intervista a 'Eurosport' - Senza dimenticare, comunque, lo stimolo in più rappresentato dalla possibilità di giocare l'eventuale finale in casa".

CHAMPIONS - "Faccio il tifo per il Real Madrid e li vedo favoriti sia in campionato che in Champions League perché ha la rosa più ampia ed è guidata da un ottimo tecnico, che sa quello che vuole e che riesce a trasmettere tranquillità e voglia a tutti i giocatori - ha proseguito Capello - Ronaldo può sempre inventarti la giocata, mentre Bale dopo un periodo di ambientamento è tornato ai livelli del Tottenham. E Benzema, con Ancelotti, ha ritrovato fiducia: questo trio può fare grandi cose. L'Atletico? Bisogna fare i complimenti a Simeone, è riuscito a dare la giusta mentalità alla squadra. La società è stata brava sul mercato, però la rosa è un po' corta e questo può fare la differenza in negativo".

 

Serie A   Juventus  
Bologna-Juventus, Allegri: "Buon allenamento. Felice per Kean"
Bologna-Juventus, Allegri: "Buon allenamento. Felice per Kean"
Il tecnico bianconero: "Era importante chiudere con una vittoria"
Mercato   Juventus   Francia
Calciomercato Juventus, sorpasso Lemar a Douglas Costa
Calciomercato Juventus, sorpasso Lemar a Douglas Costa
Duello tra bianconeri, Tottenham e Atletico Madrid per l'esterno offensivo del Monaco
Mercato   Juventus   Inter
Calciomercato Juventus, da Paredes a Di Maria: Paratici in azione
Calciomercato Juventus, da Paredes a Di Maria: Paratici in azione
Il ds dei bianconeri ha incontrato l'agente Pablo Sabbag