Breaking News
© Getty Images

Serie A, Malago' attacca: "I Presidenti hanno fatto una scelta scellerata"

L'analisi sul momento del massimo campionato italiano e' impietosa

SERIE A MALAGO PRESIDENTI CALCIO ITALIANO / ROMA - Giovanni Malagò ha speso parole dure sul calcio italiano. Intervistato da 'Radio Anch'Io Lo Sport' il numero uno del CONI ha dichiarato: "Non sta finendo un bel campionato, anche se la Juventus è stata mostruosa e la Roma fantastica. Da troppi mesi tutto è bloccato su queste posizioni, con un campionato livellato verso il basso come testimoniato dall'andamento nelle coppe europee. Basteranno molti meno dei soliti 40 punti per salvarsi e ci sono state tante partite non belle, condite da uno spettacolo negli stadi disarmante. Complimenti alla Juve e in bocca al lupo per la conquista dell'Europa League: la Roma è stata ottima, ma co quei numeri doveva vincere il campionato".

PRESIDENTI - "Il calcio versa oltre un miliardo di euro all'anno all'erario e dal CONI riceve poche decine di milioni. Bisogna chiedersi però perché pochi anni fa la Serie A fosse il primo campionato al mondo e oggi sia scivolata: non ci sono i soldi degli sceicchi, perciò servono alternative con politiche intelligenti. Ne faccio quasi una malattia se penso che quando avevamo il vento in poppa i Presidenti avrebbero potuto investire in un mutuo e rifare gli stadi anziché spendere e spandere in ingaggi favolosi per calciatori non eccelsi. La scelta è stata scellerata".

 

Serie A  
Serie A, le probabili formazioni della 38esima giornata
Serie A, le probabili formazioni della 38esima giornata
Ecco i possibili schieramenti secondo gli inviati di Calciomercato.it
Serie A   Juventus  
Bologna-Juventus, Allegri: "Domani gioca Audero. Voglio restare"
Bologna-Juventus, Allegri: "Domani gioca Audero. Voglio restare"
Le parole del tecnico alla vigilia della sfida con gli emiliani
Serie A   Inter  
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
Il tecnico sul brasiliano: "Si confronterà anche con la società"