Breaking News
© Getty Images

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Higuain letale, Mexes annichilito

Top e Flop della 23a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati

PAGELLONE, HIGUAIN MEXES / MILANO – Il 23esimo turno di campionato poteva essere decisamente favorevole alla capolista Juventus che però non è riuscita ad approfittare né del derby tra Lazio e Roma finito in parità né del doppio vantaggio sul Verona al termine dei primi 45'. Sotto accusa la difesa bianconera che continua a farsi sorprendere sulle palle inattive. Tra i tre centrali di Conte, Bonucci è apparso il meno brillante nel contrastare le sortite di Luca Toni e compagni. A proposito di difese in difficoltà, quella del Milan cade sotto i colpi di uno scatenato Higuain e di un ritrovato Inler nella sfida del 'San Paolo' contro il Napoli. Tra i rossoneri non ha convinto la prestazione di Mexes che ha perso nettamente il duello con il 'Pipita'. Questo è stato anche il week end del ritorno al gol su azione di Totò Di Natale nel 3-0 con il quale l'Udinese ha battuto il Chievo in casa.

 

TOP

 

5.Gastaldello (Sampdoria) – Partita da incorniciare per il capitano blucerchiato. Impeccabile in difesa si prende anche il lusso di decidere l'incontro sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Trascinatore. VOTO 7,5

4.Cristaldo (Bologna) – Con un Diamanti partito per altri lidi è l'argentino ad impadronirsi della scena. Due gol decisivi ed una prestazione di grande dedizione e sacrificio. Illuminante. VOTO 7,5

3.Di Natale (Udinese) – Totò è tornato. O meglio non se n'è mai andato. Anche in un'annata meno felice di altre, giocate sopraffine e doti balistiche fuori dal comune sono ancora parte del bagaglio tecnico di questo straordinario giocatore. Esempio. VOTO 7,5

2.Inler (Napoli) – Al calo di rendimento delle ultime settimane che ha fatto storcere il naso a molti osservatori, lo svizzero risponde con la specialità della casa: la conclusione imparabile dalla distanza. Ma la partita di Inler non si ferma al gol; è suo anche l'assist al bacio per l'onnipresente Higuain che vale il sorpasso sui rossoneri. Cuor di leone. VOTO 7,5

1.Higuain (Napoli) – 'El Pipita' per tutta la gara si aggira famelico nei pressi della porta di Abbiati con l'ossessione di tramutare in un occasione da gol ogni pallone giocabile. Neanche la doppietta riesce a placare la sua furia. Tiene sulle corde la difesa rossonera dal primo all'ultimo minuto proponendo un mix esplosivo di opportunismo, senso della posizione e classe cristallina. Intoccabile. VOTO 7,5

 

FLOP

 

5.Amauri (Parma) – Gira a vuoto per gran parte del match. Fatica a ad entrare nel vivo del gioco e finisce con l'isolarsi. Combatte come al solito ma rimane una giornata di poche luci e molte ombre per lui. Emarginato. VOTO 5

4.Bonucci (Juventus) – Tutt'altro che impeccabile nel tenere a bada un vero e proprio 'catalizzatore di cross' come Luca Toni. In generale poco reattivo nei momenti in cui il Verona è riuscito a farsi minaccioso dalle parti di Buffon. Spensierato. VOTO 5

3.El Kaddouri (Torino) – Assente ingiustificato per tutto il primo tempo. Si hanno notizie di lui solo quando uno spazientito Ventura lo lascia negli spogliatoi per far posto a Kurtic. Fantasma. VOTO 5

2.Paulinho (Livorno) – Impalpabile e poco lucido sotto porta risulta poco utile alla causa amaranto. Non è in giornata e la manovra offensiva del Livorno ne risente. Scarico. VOTO 4,5

1.Mexes (Milan) – Chiamato a limitare la forza d'urto di un Higuain indemoniato finisce ben presto in balia dell'avversario. Troppo lento, lezioso e a tratti supponente per poter fronteggiare a dovere le sortite offensive degli uomini di Benitez. Stralunato. VOTO 4,5

Notizie   Roma  
Roma, Spalletti: "Addio Totti? Lo gestiremo in modo naturale"
Il tecnico giallorosso sull'ultima partita del numero 10
Notizie   Inter   Lazio
Lazio-Inter, Vecchi: "Vittoria che vale tanto. Condizionati dal FPF"
Il tecnico ha parlato al termine del match dell''Olimpico'
Notizie   Inter   Lazio
Serie A, Lazio-Inter 1-3: I nerazzurri rialzano la testa
Biancocelesti rimontati dopo il gol del vantaggio firmato Keita