Breaking News
© Getty Images

Olivier Jouanneaux su Philippe Mexes

Calciomercato.it ha intervisto in esclusiva Olivier Jouanneaux, procuratore del difensore rossonero

MILAN MOMENTO MEXES / PARIGI (Francia) - MILAN MEXES / MILANO - Nessuna rivincita, ma semplicemente un avvicinamento graduale, sentito e cercato che parte da lontano. Da quel 21 novembre in Belgio contro l'Anderlecht, nottata magica per Philippe Mexes e il Milan. La serata della fantastica rovesciata che ha permesso al difensore francese di diventare sempre più protagonista della sua squadra e con il passare della partite di calarsi nel ruolo del leader della retroguardia rossonera. E negli anni di Roma e milanesi, Mexes ha condiviso sempre il suo percorso con l'agente e amico Olivier Jouanneaux che a Calciomercato.it ha raccontato il momento del suo assistito, tra retroscena passati e obiettivi futuri.

MOMENTO MEXES - "Questo momento è per lui una rivincita? No, non penso. E' in una fase positiva da diverso tempo anche perché si è collaudata l'intesa con Zapata - spiega il procuratore transalpino a Calciomercato.it -. Nonostante le critiche ricevute da diversi addetti ai lavori, per me la coppia Phil-Cristian è infatti ottima. Si trovava bene anche con gli altri compagni come Nesta e Thiago Silva, ma con il passare delle partite il feeling tra i due è migliorato. In ogni caso, non si difende in quattro, ma in sei-otto quindi quando il resto della squadra gira, giocano inevitabilmente anche meglio i difensori".

LEADER IN CAMPO -  "Con l'addio poi dei giocatori più rappresentativi, ora Mexes è diventato anche leader. Non so se è stata una richiesta del mister o semplicemente si è trattato di un suo percorso naturale, ma lo vedo molto più motivato, responsabilizzato e appassionato in campo. E' uno infatti che motiva la squadra e che mette sempre anima e corpo in campo".

MAI CONSIDERATO UN ADDIO - Nessun dubbio anche sulle scelte delle scorse stagioni: "Per lui il Milan è tutto ed il suo sogno è quello di vincere con la maglia rossonera - le parole di Olivier Jouanneaux a Calciomercato.it -. In passato infatti non ha mai considerato neanche un attimo un possibile addio perché ha sempre avuto voglia di ottenere risultati importanti a Milano. Ha comprato casa nel capoluogo meneghino e si trova benissimo con l'ambiente ed i compagni. Non dobbiamo dimenticare che quando è arrivato a Milano, era reduce da un infortunio che lo ha obbligato a non poter rendere come poteva nell'immediato. I dirigenti rossoneri sono stati poi sempre corretti. Lo hanno infatti sempre aspettato".

CARATTERE DOMATO-  "Caratterialmente poi è migliorato rispetto all'esperienza di Roma. Si è calmato, reagisce meno alle provocazioni ma nella Capitale spesso si è arrabbiato per i diversi torti arbitrali subiti. Ora lo avverto più tranquillo".

I FRATELLI ROMANI - "E' sempre molto legato alla piazza romana. Ha vissuto sette anni bellissimi nella Capitale e per lui Totti e De Rossi restano due fratelli. A Roma è stato sempre considerato un 'Testaccino', un romano acquisito", la conclusione del procuratore a Calciomercato.it.

Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, Montella: "Donnarumma? Ho la sua firma..."
Calciomercato Milan, Montella: "Donnarumma? Ho la sua firma..."
Il tecnico rossonero: "Delofeu potrebbe tornare. Addio Totti emozionante"
Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, Montella verso la firma. Addio per cinque
Calciomercato Milan, Montella verso la firma. Addio per cinque
L'allenatore rossonero vicino al rinnovo del contratto fino al 2019
Mercato   Milan   Inghilterra
Calciomercato Milan, Donnarumma: Fassone 'avvisa' Raiola
Calciomercato Milan, Donnarumma: Fassone 'avvisa' Raiola
L'Ad rossonero: "Sono fiducioso sul rinnovo, ma vogliamo una risposta in tempi brevi"