Breaking News
© Getty Images

Euroavversari, Speciale Europa League: alla scoperta di Pacos de Ferreira e Legia Varsavia

Ecco tutto cio' che c'e' da sapere sulle avversarie di Fiorentina e Lazio nella manifestazione europea

EUROAVVERSARI SPECIALE EUROPA LEAGUE PACOS DE FERREIRA LEGIA VARSAVIA FIORENTINA LAZIO / ROMA - Archiviata la prima giornata di Champions League, tocca all'Europa League mantenere alto il livello di spettacolo. La fase a gironi, da tanti bistrattata, riserva match interessanti, da non sottovalutare. Due le italiane in gara, ovvero Fiorentina e Lazio, che si trovano ad affrontare due squadre che hanno storia e caratteristiche differenti. Facciamo, dunque, il punto su Paços de Ferreira e Legia Varsavia.

PACOS DE FERREIRA (Portogallo) - E' una squadra giovane, fondata nel 1950, e che solo l'anno passato ha iniziato ad assaporare le alte quote della classifica lusitana. Il piazzamento ai preliminari di Champions League è stato il coronamento di un sogno, tuttavia interrottosi sul più bello. Lo Zenit San Pietroburgo di Spalletti ha provveduto subito a ridimensionare le ambizioni dei portoghesi che, in estate, non hanno saputo rinvigorire la squadra a dovere. Diversi giovani, ma nessun nome di primo livello, come se si pensasse che la favola, da qui a poco, finirà. La bolla sembra già essersi sgonfiata: in campionato, quattro sconfitte in altrettante gare. Un bilancio negativo che mette Costinha a rischio esonero.
Attenzione perché anche il Copenhagen, in Champions League, veniva da risultati molto modesti e, alla fine, è riuscito a strappare un punto alla Juventus. Il meccanismo è lo stesso: il campionato lo si lascia alle spalle, in Europasi riparte da zero. Le motivazioni sono alte, ma dietro al carattere ci sono problemi strutturali: la difesa subisce gol a più riprese, mentre l'attacco è piuttosto abulico. Attenzione al talentino Bebé, di proprietà del Manchester United.

PACOS DE FERREIRA (4-2-3-1): Degra; Tony, Arnolin, Ricardo, Nuno Santos; Leao, Oliveira; Hurtado, Rui Miguel, Ruben; Bebé.

LEGIA VARSAVIA (Polonia) - Molto più abituato a palcoscenici internazionali è il Legia Varsavia. Come il Paços, arriva dai preliminari di Champions League, la cui eliminazione è imputata alla Steaua Bucarest, promossa con due pareggi. Pochi gli acquisti estivi. Spiccano le due entrate provenienti dal campionato cipriota, come il centrale difensivo Dossa Junior, prelevato dall'AEL Limassol, e il regista Hélio Pinto, giunto in Polonia dopo sette anni all'APOEL Nicosia. L'attenzione, tuttavia, si focalizza sul trentaquattrenne Marek Saganowski e sul suo sostituto naturale Vladimer Dvalishvili. Quest'ultimo è reduce da una tripletta in campionato, che lo ha portato a quota 5 gol totali, eguagliando il bilancio dello scorso campionato.
Il Legia gioca con un 4-2-3-1 portato ad offendere. Così si spiega la media di 2,7 gol fatti a partita. Nel suo campionato subisce poco, ma la Lazio può vantare una maggiore qualità e scardinare abilmente anche la difesa del Legia. Mister Urban ha qualche problema di formazione, viste le defezioni di Suler, Astiz e Mikita. Saganowski dovrebbe partire titolare, visto che il tecnico l'ha tenuto a riposo nell'ultimo turno di campionato, tra l'altro vinto 5-3 contro il Korona Kielce. Unico ballottaggio è tra Kucharczyk e Ojamaa per il ruolo di offensivo destro.

LEGIA VARSAVIA (4-2-3-1): Skaba; Broz, Rzezniczak, Dossa, Brzyski; Furman, Vrdoljak; Kosecki, Radovic, Ojamaa; Saganowski.

Europa league   Inghilterra   Spagna
PAGELLE E TABELLINO DI MANCHESTER-CELTA VIGO: Mou in finale
United in finale nonostante il pareggio nel ritorno. Fellaini decisivo, Roncaglia prima illude, poi vanifica tutto
Europa league   Inghilterra   Olanda
Europa League, United esulta con Fellaini. Ajax passa, ma che rischio!
La finale della competizione sarà quindi tra gli inglesi di Mourinho e la baby squadra olandese
Europa league   Inghilterra   Spagna
Europa League, Celta Vigo-Manchester United 0-1: decide Rashford
I Rede Devils vincono la semifinale d'andata in Spagna